martedì 3 gennaio 2017

Testimonianza di Marco Newman







Ripubblico questa testimonianza firmata Marco Newman che potete trovare qui, sul forum di omosessualitaeidentita.blogspot.com .
Ringrazio Marco per la sua bellissime parole, in cui appare chiaramente un cammino di crescita faticoso e continuo, ma bello, vero e che porta frutti. La ripubblico perchè, spesso, di queste testimonianze come la mia, ci si sofferma solo sul lieto fine. Sul matrimonio, sul rapporto con una donna. Qui, invece, è evidente che c'è molto altro, la ricchezza di un rapporto d'amicizia che ridona la dignità perduta e quel senso di appartenenza che ci permette di camminare verso l'età adulta. Un cammino che permette di lavorare sull'egoismo e la superbia. Sulla vergogna. Poi, si, il matrimonio può essere uno dei possibili finali (o inizi?) ma non l'unico. Grazie Marco per queste tue belle parole. Un abbraccio a lui, ma anche a tutti voi. Che tutti noi possiamo approcciarci a questo "splendido percorso di crescita". Eccola, per voi:

Riguardando indietro, a volte, non riesco a credere a come si è dispiegata la mia vita. Da adolescente con crisi di panico, chiuso in sé stesso e ripiegato sui propri problemi, a uomo di 30 anni sposato e felice. 
Devo dire che il mio percorso di crescita è stato lungo, a volte incerto, non certo poco faticoso, ma mi ha permesso, credo, di diventare una persona migliore. L'attrazione per persone dello stesso sesso, è stata per me la grande occasione di crescita verso l'età adulta. L'egoismo e la superbia, che devo dire ancora sperimento ma che cerco di tenere a bada, combinate con altri fattori, mi avevano distaccato dal mondo maschile, al quale tanto volevo appartenere. Tanto da desiderare sessualmente tutto quello che volevo essere: un uomo sicuro di se, stimato e ammirato dagli altri. Il ragazzo di cui ero innamorato era proprio cosi. 
Dopo una grande crisi dove sono stato scosso "fino alle fondamenta" ho provato a ricostruire su basi sicure, la salvezza è stata una semplice e banale amicizia maschile : un amico eterosessuale che, a conoscenza dei miei lati oscuri, mi è stato comunque amico, conducendomi per mano in quel mondo dal quella ero distaccato e verso il quale erto tremendamente attratto. 
Questa è stata un'esperienza fondante, qui mi sono sentito finalmente Uomo. Anche mi fossi portato a letto tutti gli uomini di questo mondo non mi sarei comunque sentito così. Da questa amicizia ho imparato una cosa semplice e per me sconvolgente, cioè che gli altri uomini sono come me, fratelli in questo mondo a volte difficile, compagni nella lotta alla conquista della nostra mascolinità e di un posto per noi. Quando ora approccio con il genere maschile non ho maschere, o filtri, sono spontaneo, sicuro, sono uno di noi. 
Oltretutto sono stato anche tanto amato dalla mia attuale moglie, che ha avuto tanta pazienza e mi ha sopportato nei periodi difficili. Ora però siamo felicemente sposato e abbiamo una figlia stupenda, frutto di una vita sessuale e affettiva più che soddisfacente! A chi sta per approcciare a questo splendido percorso di crescita auguro di trovare delle sane amicizie maschili con cui diventare uomini e una Donna come la mia che con la sua tenerezza vi faccia venire voglia di proteggerla e di essere per lei l'uomo della sua vita!


Marco Newman